Book cipher (Italiano)

Questo articolo non cita alcuna fonte. Aiutaci a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti affidabili. (Luglio 2008)

Un cifrario di un libro è un codice in cui la chiave è un aspetto di un libro o di un altro pezzo di testo; essendo i libri comuni e ampiamente disponibili nei tempi moderni, gli utenti di cifrari dei libri ritengono che i dettagli della chiave siano sufficientemente ben nascosti agli aggressori nella pratica. Questo è per certi versi un esempio di sicurezza per oscurità. In genere è essenziale che entrambi i corrispondenti non solo abbiano lo stesso libro, ma la stessa edizione.

Tradizionalmente le cifrature dei libri funzionano sostituendo le parole nel testo in chiaro di un messaggio con la posizione delle parole del libro in uso. In questa modalità, le cifrature dei libri sono chiamate più propriamente codici.

Questo può avere problemi; se una parola appare nel testo in chiaro ma non nel libro, non può essere codificata. Un approccio alternativo che aggira questo problema è sostituire le singole lettere piuttosto che le parole. Uno di questi metodi, utilizzato nel secondo codice di Beale, sostituisce la prima lettera di una parola nel libro con la posizione di quella parola. In questo caso, il codice del libro è propriamente un codice – in particolare, un codice di sostituzione omofonico. Tuttavia, se usata spesso, questa tecnica ha leffetto collaterale di creare un testo cifrato più grande (tipicamente sono necessarie da 4 a 6 cifre per cifrare ogni lettera o sillaba).

Be the first to reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *