Hunnic (Civ5) (Italiano)

BackArrowGreen.png Torna allelenco delle civiltà

Wikipedia

Wikipedia ha una pagina chiamata:

Impero Unno

Il popolo Unno (o Unni) rappresenta una civiltà in Civilization V : Gods & Kings.

  • Simbolo: Sole stilizzato simile a quello visto sulla bandiera del Kirghizistan (forse associato a Tengri)
  • Tema musicale: Li Ling Si Han (composto da Geoff Knorr)
  • Set musicale: europeo
  • Architettura: asiatica
  • Nomi delle spie: Balamber, Uldin, Donatus, Charato, Octar, Bleda, Ellac, Dengizik, Hildico, Gudrun
  • Religione preferita: tengriismo
  • Ideologia preferita: autocrazia

Contenuti

  • 1 Strategia
  • 2 Voce di Civilopedia
    • 2.1 Storia
    • 2.2 Clima e terreno
    • 2.3 Origine degli Unni
    • 2.4 Movimento in Europa
    • 2.5 Una forza intimidatoria
    • 2.6 Leadership di Attila
    • 2.7 Dopo Attila
    • 2.8 Hunnic Society
    • 2.9 Factoid
  • 3 Elenco di città
  • 4 Curiosità
  • 5 Galleria
  • 6 Risultati correlati

Strategia [modifica | modifica fonte]

Gli Unni sono ovviamente la civiltà più offensiva del gioco, sempre alla ricerca di una vittoria per il dominio piuttosto che di altre condizioni di vittoria. Sono lunica civiltà che ha unarma dassedio nellera antica, e sono quindi in grado di combinare due armi dassedio in ununica era (Ariete e Catapulta), consentendo loro di catturare le città presto e con ridicola facilità. Aggiungi a ciò il potente arciere a cavallo, disponibile anche nellera antica, e otterrai un colosso offensivo. Inizia presto la tua offensiva e pochi saranno in grado di fermarti.

Ciò che sembra essere meno ovvio è che gli Unni hanno una caratteristica unica che li rende non solo uneccellente civiltà offensiva, ma anche una discreta civiltà difensiva. “Flagello di Dio” potrebbe essere chiamato altrettanto accuratamente “Terra bruciata”, perché una delle caratteristiche del tratto ti consente di radere al suolo le città due volte più velocemente. Questa abilità è utile per contrastare qualsiasi tentativo del nemico di riprendere il territorio conquistato: dopo aver catturato una città nemica, vendi tutti gli edifici in essa contenuti, quindi incendiala. Se il tuo nemico riuscirà a reclamare la città prima che venga distrutta, sarà spopolata e sottosviluppata e dovranno spendere tempo e oro per ricostruirla.

Unaltra caratteristica utile è la Produzione Produzione extra per ogni pascolo che controlli, che ti aiuta ad aumentare la produzione per velocizzare la creazione di unità militari. Con la tecnologia Animal Husbandry già studiata, avrai la possibilità di produrre unità montate prima (e più velocemente) rispetto alle altre civiltà, a condizione che tu abbia accesso a una fonte di cavalli.

Voce di Civilopedia [modifica | modifica sorgente]

Cronologia [modifica | modifica fonte]

Migrando in tutta Europa nel IV e V secolo d.C., gli Unni nomadi erano un popolo tribale che originariamente si pensava avesse le sue origini nelle steppe dellAsia centrale. Uniti sotto la responsabilità del loro capo più memorabile, Attila, lesercito unno saccheggiò e saccheggiò tutta lEuropa, diventando un famigerato flagello per i romani e i loro alleati.

Clima e terreno [modifica | modifica fonte]

Si ritiene che siano migrati dalla Mongolia e dallAsia centrale, gli Unni attraversarono per la prima volta il fiume Volga alla fine del IV secolo. Una regione di grande diversità geografica, le pianure aspre e molto elevate della Mongolia sono circondate da foreste montuose, praterie, deserti e centinaia di piccoli laghi e paludi. La zona ospita varie specie di cavalli selvaggi, che sicuramente hanno contribuito alla maestria equestre degli Unni.

Al loro apice, gli Unni controllavano unampia gamma di territori in tutta lEuropa centrale, dalle steppe dellAsia centrale a quella che oggi è la Germania moderna. Questa vasta gamma di variazioni geografiche e climatiche sembra aver avuto scarso effetto sulla capacità degli Unni di governare una così vasta fascia di territorio.

Origine degli Unni [modifica | modifica sorgente]

Un argomento molto controverso, la vera origine degli Unni ci sfugge ancora oggi. Secondo la maggior parte dei resoconti, gli Unni “vennero fuori dal nulla” e devastarono chiunque incontrassero. Gli Unni erano forse i discendenti degli Xiongnu, una confederazione tribale di nomadi equestri che si trova nelle regioni settentrionali della Cina.Gli Xiongnu lanciarono frequentemente incursioni contro la dinastia cinese Qin durante il III secolo a.C. e, insieme a varie altre tribù nomadi, furono una delle ragioni per cui i cinesi costruirono la Grande Muraglia cinese. Gli Unni apparvero in alcune parti dEuropa proprio nel periodo in cui lo Xiongnu scomparve dalla vista, questo misterioso arrivo di una nuova società a ovest, in coincidenza con la scomparsa di unaltra a est, rappresenta uno dei pochi legami tra gli Unni e il Xiongnu.

Movimento in Europa [modifica | modifica fonte]

I primi documenti sugli Unni erano tuttaltro che imparziali, essendo stati scritti dal punto di vista dei loro numerosi nemici e lasciando dietro di sé una storia macchiata delle prime conquiste degli Unni. Attraversando lEuropa nel 4 secolo, si dice che gli Unni abbiano soggiogato diverse tribù rivali tra cui gli Alani, gli Ostrogoti e i Visigoti. Sebbene a questo punto fossero ancora vagamente uniti, gli Unni attaccarono anche coraggiosamente parti dellImpero Romano dOriente e dOccidente, mentre lavoravano anche come mercenari per Roma contro altre tribù, giocando con successo su entrambi i lati del campo. Fu durante questo periodo che i bizantini (i romani orientali) iniziarono a rendere omaggio agli Unni per garantire relazioni pacifiche, sebbene i romani spesso non riuscissero a soddisfare il loro obblighi.

La storia degli Unni diventa più certa nel tempo immediatamente precedente al dominio di Attila. Lo precedeva suo zio Rua, che gradualmente stabilì il controllo completo sui diversi Hu forze nniche ed eliminato tutte le leadership opposte. Rua mantenne un governo ferreo sugli Unni e lanciò numerosi attacchi riusciti contro le tribù vicine prima di puntare gli occhi su obiettivi più grandi.

Regnando come Re della Confederazione degli Unni – come divenne noto a questo punto della storia – Rua iniziò una serie di conflitti con lImpero Romano dOriente. Sembra che molte delle tribù precedentemente soggiogate dagli Unni siano fuggite presso i Bizantini nella speranza di chiedere asilo. Rua, chiedendo che venissero consegnati, liberò i suoi eserciti sul territorio bizantino e saccheggiò la Tracia, a nord-ovest di Costantinopoli. Tuttavia, nel bel mezzo della sua campagna, Rua fu ucciso, presumibilmente dopo essere stato colpito da un fulmine, e gli Unni furono costretti a ritirarsi.

Una forza intimidatoria [modifica | modifica fonte]

Dopo la morte di Rua nel 434, Attila e suo fratello Bleda condivisero una doppia regalità, continuando lespansione del territorio unno in tutta Europa. Sostenuti principalmente da un reddito costante di tributi e saccheggi, gli Unni divenne una forza sempre più potente nel continente europeo nel V secolo. Il generale romano Ezio, che in precedenza si era alleato con Rua e usò gli Unni per assicurarsi la sua posizione di comandante delle truppe romane in Gallia, assunse nuovamente gli Unni per servire come mercenari nella sua campagna contro i predoni borgognoni che attaccavano le province romane settentrionali.

Pieni di ricchezza, gli Unni si spostarono ancora una volta sullImpero Romano dOriente (un obiettivo preferito delle loro campagne) e intimidirono lindebolito comando bizantino a firmare il Trattato di Margus nel 435. Si diceva che questo trattato avesse raddoppiato il precedente tributo dovuto dai Bizantini – che era già diverse centinaia di libbre doro allanno – aumentando ulteriormente le risorse degli Unni . Come in passato, i Bizantini non rispettarono i loro obblighi e non consegnarono alcun tributo, e come prima, gli Unni tornarono nel territorio romano dOriente e saccheggiarono un certo numero di città, raggiungendo infine Costantinopoli nel 443. I Bizantini ancora una volta acconsentirono per offrire un tributo sostanziale, questa volta il triplo dellimporto originale, e gli Unni li presero in parola e si ritirarono.

Leadership di Attila [modifica | fonte di modifica]

Il fratello di Attila, Bleda, morì nel 445 e Attila divenne lunico sovrano dellImpero Unno. Nel 447, Attila aveva sconfitto gli eserciti romani orientali e conquistato un certo numero di fortezze romane, ottenendo il controllo di i Balcani. I romani tentarono di nuovo di sostenere gli Unni con tributi, e per un po lo pagarono effettivamente … almeno fino a quando Attila non concentrò la sua attenzione altrove.

Nel 451, Attila invase la Gallia, attaccando un certo numero di città in rotta verso Orleans. Ironia della sorte, il primo benefattore degli Unni, il generale romano Ezio fu ora costretto ad affrontarli frontalmente in difesa della Gallia. Alla guida di una forza combinata di romani e visigoti, il generale Ezio e il suo esercito incontrarono Attila alla battaglia delle pianure catalauniane e riuscì a respingere gli Unni. Subendo la prima grande sconfitta della sua carriera come comandante militare, Attila fu costretto a ritirarsi dalla Gallia e riorganizzarsi. Sempre lambizioso conquistatore, Attila spostò le sue forze a est con lintenzione di colpisce lItalia e il cuore dei romani.

Saccheggiando varie città del nord Italia, Attila non è mai arrivato a Roma.Sebbene alcuni storici ritengano che sia stato lintervento di Papa Leone I a convincere Attila a non marciare oltre, altri sostengono che sia stata la minaccia dei rinforzi dellImpero Romano dOriente a influenzare veramente la sua decisione. Poco dopo, nel 453, Attila morì senza tante cerimonie durante la sua prima notte di nozze, cadendo, secondo alcuni storici, per un semplice sanguinamento dal naso. Senza la potente guida del carismatico Attila e la sua leggendaria reputazione, la mistica degli Unni come forza inarrestabile è stata spezzata.

Dopo Attila [modifica | modifica fonte]

Dopo la morte di Attila, lImpero Unno doveva essere governato dal figlio maggiore Ellac. Tuttavia, anche gli altri figli di Attila, Dengizich e Irnk, cercarono il trono e le divisioni interne limpero portò rapidamente alla sua caduta. Solo un anno dopo linizio del suo regno, Ellac fu ucciso nella battaglia di Nedao nel 454, durante il quale gli Unni furono sconfitti sonoramente da un esercito di tribù germaniche unite. Dopo la morte di suo fratello, Dengizich si assicurò il trono per un breve governo, ma gli Unni, ora in un crescente stato di disordine, svanirono presto dalla storia con la stessa rapidità con cui erano arrivati. Quando Dengizich morì nel 469, si pensa che il gli unni rimasti iniziarono a migrare indietro verso le loro terre ancestrali nella steppa dellAsia centrale.

Hunnic Society [modifica | modifica fonte]

Sebbene di origine misteriosa, secondo molti mangiato, dormito e morto a cavallo, il che aiuta a spiegare perché erano conosciuti nel corso della storia per la loro esperienza nel combattimento a cavallo e nellequitazione. Sostenuti principalmente dai loro sforzi come mandriani e pastori, gli Unni tenevano una varietà di bestiame che forniva fonti di cibo mobili come oltre alle pelli per labbigliamento. Erano anche arcieri di talento che affinavano le loro abilità attraverso frequenti cacce, impiegando archi compositi appositamente realizzati che li rendevano letali sia per gli avversari che per le prede.

Nonostante la loro eredità di conquistatori, gli Unni al così avevano abili artigiani e artigiani tra la loro gente. Un certo numero di manufatti in bronzo attribuiti agli Unni sono stati trovati allinterno delle regioni in cui un tempo abitavano, compresi i calderoni di bronzo che si ritiene fossero stati usati nei rituali di sepoltura unni.

Factoid [modifica | modifica fonte]

Il compositore italiano Giuseppe Verdi scrisse lopera “Attila” nel 1846, che fornisce un racconto fittizio della morte di Attila per mano di Odabella, una donna che stava inseguendo.

I romani soprannominarono Attila “Il flagello di Dio”, senza dubbio a causa della sua incessante ricerca della conquista, principalmente a spese dei romani.

Alcuni storici sospettano che gli Unni praticassero la “rilegatura della testa”, un processo in cui legavano la testa di un bambino con un panno o altri materiali per cambiarne la forma. Si ritiene che gli Unni sperassero di intimidire i loro nemici creando facce larghe e piatte per i loro uomini.

Elenco delle città [modifica | modifica sorgente]

I nomi di tutte le città unne fondate dopo la loro Capitale sono presi a caso dalla fine degli elenchi di città di altre civiltà del gioco. lapparizione degli Unni può fornire un indizio forte su quali altre civiltà sono in un gioco.

Se Venezia è lunica altra civiltà in un gioco o sono stati usati tutti i nomi di città possibili, le città unne assumeranno nomi dagli elenchi di città di civiltà che non sono nel gioco corrente.

Ordine di fondazione Nome città Note
1 Attila “s Court Il seggio e il trono di Attila

Curiosità [modifica | modifica sorgente]

  • Labilità unica degli Unni “è un riferimento, come affermato nella voce della Civilopedia degli Unni, un soprannome dato ad Attila dai romani per riferirsi alla sua incessante ricerca di conquista, principalmente a le loro spese.

Galleria [modifica | modifica sorgente]

 Civ5 Empire of Smoky Skies  Civ5 Empire of Smoky Skies

Gods & Screenshot della demo di Kings, che mostra la capitale etiope, Addis Abeba (nord) e la città etiope di Harar annessa dagli Unni (sud).

 Attila-the-Hun-Empire-Civ-V-Map  Attila-the-Hun-Empire-Civ-V- Map

Map of Attila” s Hunnic Empire.

Aggiungi una foto a questa galleria

Risultati correlati

Flagello di tutti
Flagello di tutti

Completa il gioco a qualsiasi livello di difficoltà con Attila.

Utilizzo della RAM
Utilizzo della RAM

Ricerca satelliti mentre giochi come Attila su una mappa enorme.

Be the first to reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *