Jean Byron (Italiano)

Jean Byron.jpg

Jean Byron (nata Imogene Audette Burkhart; 10 dicembre 1925 – 3 febbraio 2006) è stata unattrice cinematografica, televisiva e teatrale americana. È meglio conosciuta per il ruolo di Natalie Lane, la madre di Patty Lane in The Patty Duke Show. Era anche conosciuta come Jean Audette e Jean Burkhart allinizio della sua carriera.

Byron è nata il 10 dicembre 1925 a Paducah, Kentucky, figlia di Anna Gertrude (nata Bastin; 1906 – 1988) e Edward Burkhart (1892 – 1958). La sua famiglia si trasferì a Louisville quando era ancora molto giovane, e poi a California quando aveva 19 anni durante la seconda guerra mondiale.

Da adolescente, Byron danzava e recitava commedie. Nellestate del 1939, cantò con una società di produzione allIroquois Amphitheatre di Louisville.

Byron ha cantato nelle stazioni radio WGRC e WHAS, entrambe a Louisville. Nel 1939, è stata una delle due vincitrici del concorso regionale Gateway to Hollywood a Louisville, che le ha permesso di andare a Hollywood per partecipare al programma “s livello successivo. Byron ha cantato a giorni alterni in Kentucky Karnival, un programma che ha avuto origine al WGRC a partire dal 30 agosto 1943 ed è stato distribuito a livello nazionale tramite il Mutual Broadcasting System.

Ha anche cantato con la band di Tommy Dorsey, seguita da un periodo con il gruppo di Jan Savitt. Ha poi studiato recitazione dal 1947 al 1950, seguita da una corsa con il Players Ring, un gruppo teatrale che non ha pagato bene, [citazione necessaria] ma ha offerto agli artisti la necessaria visibilità. Lì, in unopera teatrale intitolata Merrily We Roll Along, ha attirato lattenzione di Harry Sauber, consulente per i talenti di Sam Katzman. Le è stato chiesto di leggere la sceneggiatura e imitare un accento britannico, cosa che ha fatto. Ha ottenuto la sua tessera sindacale in quel momento. Quando le è stato chiesto il nome, ha risposto Imogene Burkhart. Katzman ha rifiutato quel nome, quindi ha offerto volontariamente il nome darte, Jean Byron, che aveva già usato e che lottone della Columbia Pictures ha trovato più appetibile.

Il primo film di Byron è stato Voodoo Tiger (1952). Negli anni 50, Byron è apparso in diversi film di serie B, tra cui The Magnetic Monster e Serpent of the Nile, oltre a ruoli da ospite in The Millionaire, The Pepsi-Cola Playhouse, Science Fiction Theatre, Fury e Bourbon Street Beat. Byron è stata anche portavoce dei prodotti Revlon e Lux al The Rosemary Clooney Show della NBC. Ha interpretato Minnie nella serie TV sindacata Mayor of the Town (1954).

Nel 1959, Byron ottenne un posto semiregolare in The Many Loves of Dobie Gillis della CBS nel ruolo della dottoressa Imogene Burkhart, il suo vero nome. Durante la sua permanenza nello show, fu scelta per uno spinoff su La fidanzata di Dobie Gillis, Zelda, dove avrebbe interpretato la madre della ragazza. Tuttavia, il pilot non è stato ripreso. Nellultima stagione dello show, Byron ha convinto i produttori a permettere al suo personaggio di scartare laspetto semplice e represso che ha presentato e mostra una versione più moderna di un insegnante.

Lanno successivo, ha recitato nella soap opera di breve durata Full Circle. Nel 1963, ha vinto il ruolo di Natalie Lane in The Patty Duke Show. Dopo la fine della serie nel 1966, ha continuato a recitare in ruoli da ospite in Batman, Marcus Welby, M.D., Maude e Hotel. Ha anche recitato regolarmente in Half a Comedy Hour (1970) di Pat Paulsen.

Lultimo ruolo sullo schermo di Byron è stato nel film per la televisione del 1999 The Patty Duke Show: Still Rockin “a Brooklyn Heights .

Oltre a ruoli cinematografici e televisivi, Byron ha lavorato nel teatro regionale. Ha interpretato Mama Rose in Gypsy ed è apparsa in una produzione di Guys and Dolls.

Byron era sposata con un attore Michael Ansara dal 1955 al 1956. Alcune fonti lo riportano dal 1949 al 1956. La coppia non ebbe figli e Byron non si risposò mai.

Il 3 febbraio 2006, Byron morì a Mobile, Alabama, per complicazioni a seguito dellanca chirurgia sostitutiva.

Be the first to reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *